Esportazione

 

 

 

 

Che cos’è un’esportazione?

Un’esportazione è una funzione del commercio internazionale in cui le merci prodotte in un paese sono spedite in un altro paese per la vendita o il commercio futuro. La vendita di tali beni si aggiunge alla produzione lorda del paese produttore.

Le esportazioni sono una delle più antiche forme di trasferimento economico e si verificano su larga scala tra nazioni che hanno meno restrizioni al commercio, come tariffe o sussidi. La maggior parte delle maggiori aziende che operano nelle economie avanzate traggono una parte sostanziale delle loro entrate annuali dalle esportazioni verso altri paesi. La capacità di esportare le merci aiuta un’economia a crescere. Una delle funzioni fondamentali della diplomazia e della politica estera tra governi è quella di promuovere il commercio economico a beneficio di tutti i partiti commerciali.

Le esportazioni sono una componente fondamentale dell’economia di un paese. Le esportazioni facilitano il commercio internazionale e stimolano l’attività economica interna creando occupazione, produzione e reddito.

 

Le sfide dell’esportazione

Le aziende che esportano si trovano di fronte ad una serie di sfide uniche. È probabile che si realizzino costi aggiuntivi perché le aziende devono destinare risorse considerevoli alla ricerca sui mercati esteri e alla modifica dei prodotti per soddisfare la domanda e le normative locali. Le aziende che esportano sono tipicamente esposte ad un più alto grado di rischio finanziario. I metodi di riscossione dei pagamenti, come il conto aperto, la lettera di credito, il pagamento anticipato e la spedizione, sono intrinsecamente più complessi e richiedono tempi di elaborazione più lunghi rispetto ai pagamenti da parte dei clienti nazionali.

Dal 2017, i maggiori paesi esportatori al mondo in termini di dollari sono la Cina, gli Stati Uniti, la Germania, il Giappone e la Corea del Sud. La Cina esporta circa 2,2 trilioni di dollari in beni, principalmente apparecchiature elettroniche e macchinari. Gli Stati Uniti esportano circa 1.6 trilioni di dollari, principalmente beni strumentali. Le esportazioni tedesche ammontano a circa 1,4 trilioni di dollari, principalmente veicoli a motore. Il Giappone ha esportazioni per circa 683 miliardi di dollari, anch’esso principalmente veicoli a motore. Infine, la Corea del Sud ha esportazioni per circa 552 miliardi di dollari, principalmente elettronica, macchinari e veicoli a motore.
Vantaggi dell’esportazione per le aziende

Le aziende esportano prodotti e servizi per vari motivi. L’esportazione può aumentare le vendite e i profitti se raggiungono nuovi mercati, e può anche rappresentare un’opportunità per acquisire una quota di mercato globale significativa. Le aziende che esportano diffondono il rischio commerciale diversificandosi su più mercati. L’esportazione verso i mercati esteri può spesso ridurre i costi unitari espandendo le operazioni per soddisfare l’aumento della domanda. Infine, le aziende che esportano verso i mercati esteri acquisiscono nuove conoscenze ed esperienze che possono consentire la scoperta di nuove tecnologie, pratiche di marketing e intuizioni sui concorrenti stranieri.