Fare export è una scelta molto importante per le aziende. Decidere di entrare in un nuovo mercato è una decisione supportata da determinati obiettivi strategici. Pro e contro delle alleanze strategiche.

alleanze strategicheLe opportunità che l’impresa può scegliere per fare internazionalizzazione sono molte. La scelta strategica che l’azienda definirà sarà influenzata soprattutto dagli obiettivi finali che sono stati stabiliti e dalla linea che si deciderà di adottare. Tra le opzioni che l’azienda potrà scegliere ci sarà:

  • un’entrata diretta,
  • un accordo di licenza,
  • l’opportunità di acquisire imprese già presenti nel mercato locale
  • fare alleanze strategiche con imprese del territorio di destinazione

L’azienda che decide di fare Export ed entrare in un mercato estero da sola, sa quanto potrà rischiare in termini di investimenti economici e di tempo. Al contrario le alleanze strategiche, soprattutto se fatta con imprese già consolidate nel territorio del nuovo mercato, è una scelta più fruttuosa, che darà risultati nel breve termine.

Cosa sono le alleanze strategiche

Che cos’è un’alleanza strategica tra due aziende? Per alleanza si può intendere una unione di forze per un periodo di tempo da stabilire, durante il quale le aziende opereranno per raggiungere un obiettivo comune. Due imprese decidono di formare un’alleanza strategica, con l’obiettivo finale di stabilire e mantenere una collaborazione, un accordo strategico. Nell’alleanza che si stabilisce tra le due realtà si

alleanze strategiche

instaura una fiducia tra i due partner che ne fanno parte. Di conseguenza si stabiliscono anche degli accordi sia contrattuali che di collaborazione.

Nello specifico si parla di alleanze strategiche nel momento in cui le due aziende decidono di stabilire una relazione formale. In questa fase le due imprese non perdono la loro identità di imprese indipendenti, ma la mettono a servizio dell’alleanza per raggiungere obiettivi concreti e comuni alle due realtà.

Le aziende coinvolte nell’alleanza andranno poi a condividere le loro abilità, le loro risorse e le loro competenze. A seconda delle differenti circostanze, un’azienda deciderà di stabilire un’alleanza per favorire se stessa o il percorso migliore per ottenere vantaggi dalle altre aziende coinvolte, come le risorse o le competenze stesse.

I Vantaggi delle Alleanze strategiche

Le alleanze strategiche sono vantaggiose innanzitutto perché possono portare all’innovazione aziendale. Ma in che modo?

Se si stabiliscono alleanze strategiche tra due realtà aziendali differenti si arriva alla condivisione tra i partner delle conoscenze e delle competenze specifiche che ha ognuna delle singole realtà. Questo è molto importante per le piccole e le medie imprese, che spesso non possiedono risorse sufficienti da investire nello sviluppo e nell’innovazione aziendale.

Oltre a condividere fattori molto importanti come la proprietà intellettuale e le competenze specifiche, nell’alleanza strategica le imprese possono usufruire:

  • degli stessi canali di distribuzione,
  • delle competenze produttive,
  • delle medesime risorse economiche come i finanziamenti per i progetti.
  • Altro fattore fondamentale è la condivisione delle risorse, ma anche dei rischi a cui si potrebbe incorrere.

Il punto importante è stabilire alleanze strategiche per ottenere maggiori vantaggi rispetto a quando potrebbe ottenere l’azienda che opera singolarmente.

Le caratteristiche delle alleanze strategiche

Le caratteristiche principali delle alleanze strategiche sono:

  • delayering, cioè l’appiattimento della gerarchia.alleanze strategiche Il dalayering è l’insieme degli strumenti di analisi organizzativa che riordina strutture piatte e flessibili, ristabilendo i ruoli
  • definizione del core business cioè dell’attività principale
  • analisi delle competenze che ogni azienda può mettere in gioco
  • condivisione tra le imprese delle conoscenze che porta all’innovazione tecnologica

Alleanze strategiche: Equity e Non-equity

Ci sono due tipi di alleanze strategiche, equity e non-equity.

Nelle Equity strategic alliances le aziende che ne fanno parte possiedono gradi di partecipazione differenti, quindi aziende con quote diverse di azioni. Un esempio in questo senso sono le Join ventures, in questo caso a creare l’alleanza sono due o più aziende che creano una realtà aziendale indipendente dal punto di vista legale. Per farlo condividono risorse economiche e capacità. Solitamente per fondare le join venture le aziende partecipano in tutto al 50%.

Nelle Non-equity strategic alliances due o più aziende mettono in piedi una relazione contrattuale per condividere solo alcune delle loro risorse e capacità.

Vuoi ricevere maggiori informazioni riguardo l’Export e l’Internazionalizzazione? Inserisci il tuo indirizzo mail e ti invieremo materiale informativo!